Correre fa dimagrire? PDF Stampa E-mail

Questa è la stagione della dieta. Se per dimagrire quest'anno provassimo a puntare sull'attività fisica? Prima però occorre mettere alcuni punti fermi e primo fra tutti quello che per dimagrire si devono introdurre meno calorie di quelle che si consumano o consumarne più di quelle che si introducono. L'attività fisica, a meno che non sia particolarmente prolungata e intensa incide limitatamente sul peso, fermi restando i molti benefici per 30 minuti a giorni alterni. L'ideale è arrivare a correre 1 ora per tre volte alla settimana, non superando il 60/70% della propria frequenza cardiaca. Tuttavia se il tempo a disposizione è ridotto, serve una strategia differente: se si corre lentamente e se i chilometri percorsi sono pochi sarà poco anche il consumo calorico. Allora ecco un trucco: correre in salita, su un pendio dolce, o su un tapis roulant con il 10/12% di inclinazione.

 

Ciò apporta all'organismo la trasformazione del grasso in massa magra: i muscoli. L'aumento della massa muscolare porta ad un innalzamento del metabolismo basale, perché il muscolo è un tessuto vivo con richieste metaboliche di molto superiori rispetto al tessuto adiposo. Inoltre maggiore è lo sforzo, più a lungo alla cessazione dell'attività, il metabolismo continuerà a funzionare in modo accelerato. I risultati non dipendono solo da qualità e quantità del lavoro, ma anche e soprattutto dalla costanza e dalla regolarità con cui viene svolto. La corsa è la migliore attività, alla portata di tutti, per perdere peso, in quanto mette in atto il metabolismo aerobico, finalizzato a bruciare i grassi. Fermo restando che è fondamentale la costanza e la gradualità. Inizialmente va bene correre.

Inoltre lo sport non fa solo bene al fisico, ma ci fa sentire bene perchè stimola la produzione di endorfine, sostanze che promuovono una sensazione di benessere con effetti positivi sull'umore.

Dott. Giuseppe Bruno

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna